Shareholders' opinion

La percezione del settore

Dall’indagine “Green Investing e scelte degli Investitori” realizzata da IR Top per VedoGreen (settembre-novembre 2012) su un campione di circa 50 investitori istituzionali europei specializzati sulla green economy risulta che il 93% degli intervistati include nelle proprie scelte di investimento il tema “green” (graf. 1). Ad oggi, la gestione e il trattamento dei rifiuti appare fra i principali settori su cui gli investitori concentrano la propria attenzione. Circa il 40% degli operatori specializzati reputa il comparto del Waste Management nei prossimi anni fra le maggiori opportunità di investimento nel settore green (graf. 2).

Green Investing

Fonte: IR Top per VedoGreen, “Green Investing e scelte degli investitori” – 2012

L’Investor Perception Study condotto da IR Top per Biancamano nel periodo marzo-aprile 2010 ha analizzato il sentiment della Comunità Finanziaria nazionale e internazionale sul settore Waste Management. L’indagine ha coinvolto 171 soggetti, tra istituzioni bancarie e finanziarie ITA-EU ed esperti del settore, analizzando le risposte di 72 soggetti fra analisti finanziari e gestori di fondi. La significatività del campione in Italia è confermata dalla rappresentatività del relativo patrimonio gestito (73%).

Prospettive di crescita in Italia

Il 44% del campione considera le prospettive di crescita del settore elevate grazie agli effetti della liberalizzazione e dell’evoluzione della cultura ambientale in Italia.

Prospettive di crescita in Italia

Fonte: Investor Perception Study IR Top

Liberalizzazione del settore e aggiudicazione delle gare di appalto

Il 96% degli intervistati considera la futura liberalizzazione del settore come un’importante opportunità per gli oLiberalizzazione del settoreperatori del settore e in particolare per quelli di elevate dimensioni e adeguatamente strutturati. Si ipotizza che la liberalizzazione determinerà i seguenti effetti:

  • cambiamento nella struttura del settore 
  • maggiore trasparenza
  • eliminazione dei micro-operatori
  • maggiore efficienza del privato rispetto al pubblico

 

 

Fonte: Investor Perception Study IR Top

Il 63% degli intervistati non è a conoscenza del fatto che l’aggiudicazione delle gare di appalto fa capo obbligatoriamente a una commissione composta da periti tecnici indipendenti. Resta comunque diffuso il dubbio sulla effettiva indipendenza dei componenti la commissione.

Aggiudicazione gare d'appalto

Fonte: Investor Perception Study IR Top

Gap Italia/Estero

L’83% degli intervistati ritiene che esista un gap Italia/Estero di duplice natura; in particolare i competitor esteri sono favoriti da fattori di tipo culturale e strutturale:

Fattori culturali

  • alta cultura igiene urbana
  • esperienza (politiche ambientali di lunga data)
  • orte attenzione alla raccolta differenziata

Fattori strutturali

  • migliore regolamentazione e trasparenza
  • maggiore privatizzazione
  • minore frammentazione
  • liberalizzazione
  • maggiore struttura industriale
  • minore ingerenza pubblica

I Paesi europei considerati più avanzati sono la Francia, la Germania e i paesi del Nord Europa.
Anche gli intervistati esteri percepiscono una forte complessità nella negoziazione con le AAPP in Italia.

Fattori di successo, punti di debolezza e possibili scenari del settore

Gli intervistati hanno evidenziato, tra i principali fattori di successo del Waste management, la rete di relazioni costruite con le Amministrazioni Pubbliche (31% dei casi), e il know how operativo e normativo (23%).

Fattori di successo

Fonte: Investor Perception Study IR Top

I punti di debolezza del settore Waste Management individuati dagli intervistati possono essere classificati in:

  • poca trasparenza
  • limitata conoscenza settore
  • ingerenze politiche
  • ciclo monetario lungo
  • poca certezza sui ritorni del capitale investito
  • capital intensive
  • scarso ricorso alla raccolta differenziata in Italia
  • frammentazione del settore
  • ingenti risorse finanziarie per realizzare impianti di smaltimento
  • mancanza di un’industry

Fonte: Investor Perception Study IR Top

In merito all’evoluzione dello scenario gli intervistati ipotizzano nel 55%dei casi una concentrazione degli operatori del settore, si evidenzia inoltre l’importanza di una maggiore regolamentazione (21% degli intervistati).

Evoluzione dello scenario

Fonte: Investor Perception Study IR Top

La percezione sulla società

Il 75% degli intervistati ritiene che il Gruppo Biancamano abbia una capacità di crescita superiore rispetto a quella del mercato di riferimento.

Percezione sulla società

Fonte: Investor Perception Study IR Top

Fattori di successo e punti di forza del Gruppo Biancamano

Il know how operativo è percepito dal 31% degli intervistati come il principale punto di forza che caratterizza il Gruppo Biancamano.

Fattori di successo

Fonte: Investor Perception Study IR Top

Il campione estero degli investitori riconosce fra gli elementi di forza del Gruppo il Local know how, la buona conoscenza della regolamentazione, la presenza di un forte management e una clientela ben bilanciata.

Governance

Il 77%degli intervistati ritiene un punto di forza la presenza di un azionista di maggioranza nel capitale.
La presenza di un privato di rilievo assicura:

  • garanzia di gestione più efficiente dell’impresa
  • agevolazione del processo decisionale
  • forte commitment

Con riferimento alla gestione aziendale, su una scala di valori compresa tra 1 e 5 il 62% degli intervistati attribuisce una valutazione compresa tra 4 e 5.

Gestione aziendale

Fonte: Investor Perception Study IR Top

In particolare si riconoscono al management le seguenti caratteristiche:

  • determinazione
  • ottima conoscenza del business
  • forte coinvolgimento nell’impresa

 

Biancamano Spa

P.IVA IT01360220081

REA: 1821458

Site Information

Credits

Sitemap

Seguici